EVENTI E PRESS

Rimanete informati

Merlara Doc premiato al Verona Wine Top

Brillante presenza per la doc del Merlara nella guida dedicata al meglio dell'enologia veronese
L'eccellenza enologica dei vini Merlara Doc è stat
L'eccellenza enologica dei vini Merlara Doc è stata premiata alla tredicesima edizione di Verona Wine Top, il concorso enologico dedicato al meglio dell'enologica scaligera. Le premiazioni si sono tenute ieri, giovedì 23 giugno, alle 17.30 alla Dogana Vecchia di Lazise e hanno visto premiare: Merlara Doc malvasia 2014 - Collis Veneto Wine Group In due giorni di degustazioni gli esperti dell’Associazione Enologi Enotecnici Italiani – Assoenologi hanno selezionato i migliori vini veronesi. I commissari, divisi in quattro commissioni, formate ognuna da 1 giornalista e da sei enologi, hanno valutato in due giorni di lavoro 299 campioni presentati da 104 imprese veronesi. Il risultato finale di ogni campione partecipante a “Verona Wine Top 2016” è stato calcolato dal notaio, dopo aver eliminato la scheda con il punteggio più alto e quella con il punteggio più basso, attraverso la media aritmetica delle 5 schede rimanenti. Complessivamente sono stati selezionati 135 vini che potranno fregiarsi della menzione “Verona Wine Top 2016”. Durante i due giorni del Concorso i commissari hanno compilato 2.093 schede di valutazione, attribuito 29.414 giudizi parziali e utilizzato 2.300 bicchieri. I vini raccolti in questa guida rappresentano una selezione del panorama vitivinicolo: sono i migliori vini della provincia, quelli selezionati secondo il metodo “Union Internationale des Oenologues” adottato da Assoenologi, l’associazione italiana degli enologi ed enotecnici.

Merlara doc: una guida per il turista alla ricerca di territori dinamici

Piace la nuova guida turistica edita dal Consorzio di Tutela del Merlara presentata a Palazzo Valeri di Montagnana. Nell’occasione si è fatto il punto di 15 anni di doc
Il comprensorio produttivo del Merlara, la doc dis
Il comprensorio produttivo del Merlara, la doc distribuita tra la provincia di Verona e quella di Padova, adesso vanta uno strumento turistico in più: “Merlara DOC: i vini, i prodotti, i percorsi” la nuova guida ideata dal Consorzio Tutela Vini del Merlara per illustrare le bellezze di una terra che non tutti ancora conoscono. Il lavoro, realizzato in collaborazione con la Camera di Commercio di Padova ed in partnership con Crediveneto è particolarmente piaciuto durante la presentazione ufficiale che si è tenuta a Palazzo Valeri di Montagnana lo scorso venerdì 6 febbraio. All’incontro hanno preso parte tra gli altri Luigino de Togni, presidente del Consorzio tutela vini Merlara doc, Loredana Borghesan, sindaco di Montagnana, Carlo Dall’Aglio, Camera di Commercio di Padova, Piergiorgio Agostini, presidente Crediveneto, Maurizia Dosso, Consiglio di Amministrazione di Crediveneto, Ernesto Santi, storico, Mauro Gambin, giornalista. «Mai come oggi – ha sottolineato Piergiorgio Agostini, presidente di Crediveneto - di fronte a nuove sfide sempre più globali, è indispensabile che i produttori di questa zona siano coesi e tra loro integrati». Sulla stessa lunghezza d’onda Carlo Dall’Aglio della giunta camerale di Padova secondo il quale « l’esempio virtuoso nel settore vitivinicolo può essere utile per tutte le altre filiere produttive». Luigino de Togni, presidente del Consorzio di Tutela, ha infine ribadito come «il Consorzio è una espressione di un sistema produttivo legato alla denominazione. Nel nostro comprensorio negli ultimi anni si sono generati nuovi sistemi aggregativi, sia per quanto riguarda la cooperazione, sia per ciò che concerne le imprese interessate». Dal 2000 ad oggi l’areale ricompreso nella zona di produzione è passato dai 200 ettari agli attuali 591 (Fonte Avepa Regione Veneto). Quando infatti si parla del Merlara si fa riferimento a 9 comuni coinvolti, 2 province, 200 produttori, quasi 600 ettari e 13 varietà coltivate, tra cui Malvasia Istriana, Marzemino, Merlot, Glera e Pinot Grigio. Non mancano inoltre varietà come il Moscato Giallo, il Cabernet Franc e il Raboso Veronese. A caratterizzare ulteriormente quest’area sono state poi importanti azioni di fusione e aggregazione che hanno visto nascere realtà strutturate come il Collis Veneto Wine Group, che ha visto convergere al suo interno Cantina di Colognola ai Colli, Cantine di Lonigo, Cantina Colli Berici, Cielo e Terra, Sartori e Riondo.

Il meglio della doc Merlara tutto in una guida

Sarà presentata questo venerdì 6 febbraio alle 18.00 a Palazzo Valeri di Montagnana la nuova pubblicazione dedicata ai vini e ai prodotti del territorio che il turista potrà scoprire secondo tre differenti itinerari
Si chiama “Merlara DOC: i vini, i prodotti, i perc
Si chiama “Merlara DOC: i vini, i prodotti, i percorsi” ed è una guida ideata dal Consorzio Tutela Vini del Merlara per illustrare le bellezze di una terra che non tutti ancora conoscono. Il lavoro, realizzato in collaborazione con la Camera di Commercio di Padova ed in partnership con Crediveneto, sarà presentato a Palazzo Valeri di Montagnana questo venerdì 6 febbraio alle ore 18.00. All’incontro saranno presenti Luigino de Togni, presidente del Consorzio tutela vini Merlara doc, Loredana Borghesan, sindaco di Montagnana, Carlo Dall’Aglio, Camera di Commercio di Padova, Piergiorgio Agostini, presidente Crediveneto, Maurizia Dosso, Consiglio di Amministrazione di Crediveneto, Ernesto Santi, storico, Mauro Gambin, giornalista. Descrivere e valorizzare la zona di produzione del Merlara, con tutte le eccellenze agroalimentari che qui vengono prodotte, è l’obiettivo di questa agevole pubblicazione, in quadricromia, scritta in italiano e inglese. Dal Medioevo all’epoca napoleonica, passando per la Repubblica di Venezia, sono molti i riferimenti storici che caratterizzano questo territorio, esteso tra le provincie di Verona e Padova. La guida illustra infatti quei percorsi che il turista dovrebbe seguire per godere appieno del posto. Vengono presentati tre itinerari a tema: il primo dedicato al Medioevo, con visite a monasteri, ville e castelli. Il secondo percorso ha come tema la fede popolare e comprende la visita dei tipici capitelli di campagna e alcune chiese storiche. Il terzo e ultimo itinerario vuole infine far conoscere l’ambiente fluviale che caratterizza questo territorio: canali, ponti e idrovore fanno capire come l’uomo nel corso dei secoli abbia trasformato il paesaggio interpretando il corso dei fiumi Adige e Fratta. Ogni itinerario comprende la visita di cantine, aziende agricole, ristoranti o caseifici. Le ultime pagine della guida sono dedicate a un ricettario con otto piatti da abbinare con i vini della zona. Al termine della presentazione sarà possibile degustare i vini di Merlara e i prodotti tipici del territorio offerti dal Consorzio Merlara DOC e da Crediveneto.

Montagnana racconta le eccellenze della doc Merlara a Linea Verde

Le telecamere dello storico programma Rai sono impegnate in questi giorni per le riprese della puntata dedicata al meglio di Verona, Vicenza e Padova, che andrà in onda il 19 ottobre
Le eccellenze enologiche della Doc Merlara ed il P
Le eccellenze enologiche della Doc Merlara ed il Prosciutto di Montagnana (Padova) saranno protagonisti a Linea Verde. Sono in corso in questi giorni infatti le riprese della puntata che andrà in onda su Rai 1 il 19 ottobre, tutta dedicata al meglio delle produzioni di Verona, Vicenza e Padova. Il vino della doc Merlara, al pari del Prosciutto di Montagnana e di altre eccellenze territoriali quali il Radicchio di Verona Igp o il Mandorlato di Cologna Veneta, sono oggi emblemi di questa zona produttiva che possiede enormi potenzialità. Emerge dunque la volontà da parte di quanti lavorano in questo comprensorio di rileggere e valorizzare il territorio come un unicum: borghi e castelli, antiche chiese e ville storiche, estranei all’afflusso del grande pubblico perché fuori dai normali circuiti turistici, o perché di proprietà privata, che adesso si fanno scoprire grazie ai vini e ai prodotti del territorio. Non a caso le telecamere della Ammiraglia Rai accompagneranno i telespettatori in un inedito viaggio nel gusto, alla scoperta di luoghi e spazi ancora poco conosciuti. «Quando si lavora per fare promozione – sottolinea Luigino De Togni, presidente del Consorzio del Merlara – è necessario coinvolgere tutti le realtà impegnate su quel preciso territorio, con un indispensabile gioco di squadra. Solo in questo modo si ottengono risultati come nel caso della presenza sulla principale rete Rai».

Le eccellenze del Merlara sbarcano “Dal mare alla piazza” a Montagnana

Dal 19 al 21 settembre nella città murata patavina il pescato veneto incontra le eccellenze enologiche della doc Merlara.
Le eccellenze enologiche della doc Merlara saranno
Le eccellenze enologiche della doc Merlara saranno le indiscusse protagoniste dell’appuntamento “Dal mare alla piazza”, in calendario a Montagnana (Padova), in Piazza Vittorio Emanuele II, da venerdì 19 a domenica 21 settembre, a partire dalle ore 11.00. Il mare, e cioè il buon pescato del Veneto, incontrerà quindi la terra, vale a dire il vino, in una delle città murate più belle d’Italia. L’evento itinerante, giunto alla sua nona edizione, è stato voluto dalla Regione Veneto in collaborazione col Comune di Montagnana, allo scopo di favorire la conoscenza di pesci e molluschi “minori” ma non per questo meno gustosi e saporiti. L’iniziativa infatti mira a stimolare il consumo di specie ittiche regionali attraverso attività di informazione e di promozione e si rivolge, oltre che agli operatori di settore, anche ai consumatori allo scopo di stimolare un consumo consapevole ed una coscienza ambientale condivisa. Fasolari, vongole veraci, vongole di mare, gamberi, sgombri, sardone, sardine, calamari, seppie, trote, saranno messe in assaggio in differenti preparazioni, tra antipasti, primi e secondi, in abbinamento a Merlara e Malvasia, Marzemino e Merlot all’interno del villaggio espositivo, dove consumatori, operatori di settore e istituzioni si confronteranno per far conoscere e apprezzare le eccellenze della terra e del mare, coinvolte nell’evento. «Quando si lavora per la promozione delle eccellenze territoriali – sottolinea Luigino De Togni, presidente del Consorzio del Merlara – è indispensabile fare gioco di squadra e collaborare in vista di comuni obiettivi». Un evento davvero singolare quello in calendario il prossimo fine settimana dove quanti parteciperanno avranno la possibilità di assaporare il pesce così come lo preparano i pescatori. Oltre a degustare il prodotto, inoltre, le cooperative di pescatori del Veneto allestiranno un proprio angolo “pescheria”, dove si potrà acquistare il prodotto, mentre i pescatori daranno lezioni su come aprire i molluschi o pulire e preparare il pesce.

Vinitaly 2014: segno più per il Consorzio del Merlara

Doppia presenza per il Consorzio al Vinitaly
Una presenza di rilievo per la giovane DOC Merlara
Una presenza di rilievo per la giovane DOC Merlara a Vinitaly 2014: programma ricco di proposte e due location di prestigio. Allo stand della Camera di Commercio di Padova (Pad 5, stand E7) potranno essere gustati i Malvasia ed i Marzemino in abbinamento alle selezioni più esclusive del Salumificio Brianza di Montagnana. Il Merlara DOC sarà poi in assaggio, oltre che allo stand della Regione Veneto (Pad. 4, stand D4/E4), anche allo stand Vini e Valori Veneti (Pad. 5, stand G 4-7 / F4 / F7). Vinitaly sarà occasione anche per presentare il calendario delle attività promozionali del Consorzio. Promozione, gestione delle produzioni, tutela e sviluppo del patrimonio vitivinicolo sono gli obiettivi che il Consorzio Tutela Merlara DOC si propone per il 2014. Non solo attività promozionali sul territorio in occasione delle numerose manifestazioni legate ai prodotti tipici ma anche una presenza costante a tutte le principali fiere del settore in sinergia con gli altri Consorzi Padovani e Veronesi. Vinitaly, Tuttofood, Vinifiera, FiereCavalli, Artepadova sono solo alcune delle occasioni in cui sono stati protagonisti i vini del Merlara DOC. Strategico in queste occasioni il supporto della Camera di Commercio di Padova, del Ministero dell’Agricoltura e di Avepa. Molto bene anche sul fronte dei premi e dei riconoscimenti per la giovane doc. Il Concorso Enologico Verona Wine Top ha premiato per la prima volta il Merlara Malvasia 2012 di Collis Veneto Wine Group ed anche al Concorso di Montagnana, dedicato ai vini da abbinare al prosciutto oltre al Malvasia di Collis, si è distinto il Merlara Bianco di Ponte al Masero. Bilancio positivo anche sul fronte della tutela: il consorzio infatti è stato riconosciuto per le azioni di Vigilanza dal Ministero delle politiche agricole. Nel corso del recente Consiglio, il Presidente Luigino De Togni, ha sottolineato come questo comprensorio sia tra i più attivi e pronti nel recepire le sfide di un mercato in continua evoluzione.

Tempo di bilanci: segno più per il Consorzio del Merlara

Approvato il bilancio delle azioni promozionali 2013 e la modifica del disciplinare
Promozione, gestione delle produzioni, tutela e sv
Promozione, gestione delle produzioni, tutela e sviluppo del patrimonio vitivinicolo: questi gli obiettivi principali per il nuovo anno del Consorzio Tutela Merlara DOC. Non solo quindi azioni promozionali sul territorio in occasione delle numerose manifestazioni legate ai prodotti tipici ma anche una presenza costante a tutte le principali fiere del settore in sinergia con gli altri Consorzi Padovani e Veronesi. Vinitaly, Tuttofood, Vinifiera, FiereCavalli, Artepadova sono solo alcuni delle occasioni in cui sono stati protagonisti i vini del Merlara DOC . Strategico in queste occasioni il supporto della Camera di Commercio di Padova , del Ministero dell’Agricoltura e di Avepa. Un anno che ha visto la costante crescita qualitativa delle denominazioni anche sul fronte dei premi e dei riconoscimenti. Il Concorso Enologico Verona Wine Top ha premiato per la prima volta il Merlara Malvasia 2012 di Collis Veneto Wine Group ed anche al Concorso di Montagnana dedicato ai vini da abbinare al prosciutto oltre al Malvasia di Collis, si è distinto il Merlara Bianco di Ponte al Masero. Bilancio positivo anche sul fronte della tutela, il consorzio infatti è stato riconosciuto per le azioni di Vigilanza dal Ministero delle politiche agricole . Nel corso del Consiglio, il Presidente Luigino De Togni, ha sottolineato come questo comprensorio sia tra i più attivi e pronti nel recepire le sfide di un mercato in continua evoluzione. Nel corso dell’ ultimo anno la superficie viticola dei soci è sensibilmente aumentata con un ritmo tra i più alti del Veneto. Questo è un territorio dove le richieste di ristrutturazione e nuovi impianti sono in continuo aumento. A tutela degli interessi dei produttori ha sollecitato quindi l’avvio dell’iter di modifiche del disciplinare per quanto riguarda le rese nei primi anni di impianto del vigneto.

Merlara DOC , a tutto gusto nel cuore del Veneto

Tra le tante eccellenze enologiche della regione la DOC Merlara si distingue per l'originalita dei vitigni e dei progetti di valorizzazione
Al via una serie di iniziative che mirano a far co
Al via una serie di iniziative che mirano a far conoscere i vini e lo straordinario patrimonio storico ed artistico che caratterizza questo territorio poco conosciuto nel cuore del Veneto. Il Consorzio tutela Vini Merlara, con il supporto della Camera di Commercio di Padova, presenterà alla stampa ed agli operatori italiani ed esteri, in una serie di iniziative, l'offerta non solo enogastronomica ma anche di accoglienza turistica. Forte del grande lavoro di promozione dei vini nelle più qualificate fiere di settore, da Vinitaly alla Prowine di Düsseldorf fino alla recente Vinexpo di Bordeaux, l'associazione dei produttori del Merlara DOC ritiene importante far conoscere direttamente agli operatori ed ai giornalisti l'identità culturale di quest'area valorizzandone gli elementi di originalità. Il ricco programma di iniziative, iniziato domenica 1 settembre, ha visto prima un tour delle mura medievali di Montgnana (PD) con “colazione” Dop presso il Prosciuttificio Brianza e Doc con i vini della denominazione proposti dalla Cantina Ponte al Masero. A seguire una sosta “medievale” in piazza Vittorio Emanuele II per l’inizio delle celebrazioni del Palio dei 10 comuni, una sfida, nata nel 1366, tra dieci cavalli e dieci cavalieri dei comuni del Montagnanese. Si è poi proseguito con un autentico pranzo trecentesco con i vini del Merlara Doc (Malvasia, Rosso Merlara, Marzemino e Moscato) al suggestivo castello di Bevilacqua. Alla visita guidata dei sofisticati saloni del maniero e alla degustazione dei vini del territorio, è seguito per gli operatori e i giornalisti la consegna degli attestati di partecipazione al tour alla scoperta dei sapori e del patrimonio storico dell’area. Visite guidate ed incontri tecnici caratterizzeranno tutto il mese di settembre , il più ricco in termini di appeal non solo perché è possibile partecipare alla vendemmia, che è il momento più importante e suggestivo di tutta la stagione, ma che anche coincide con tutta una serie di appuntamenti che vanno dal famoso Palio di Montagnana fino alle manifestazioni di Merlara, Urbana e Terrazzo. Non solo Italia ma anche tanto estero nei programmi della DOC Merlara che ha coordinato per il prossimo 13 settembre un'altra missione commerciale con protagonisti alcuni dei più qualificati buyer europei del settore, ai quali si affiancano anche operatori turistici in cerca di nuovi itinerari e nuove situazioni di accoglienza in un'area strategica tra Venezia, Terme Euganee e Verona. Un territorio che ha tutto per raccontare l'unicità e la ricchezza del Veneto fino a fare delle vere scoperte anche dal punto di vista enologico. Malvasia e Marzemino DOC nel cuore del Veneto? Un bianco ed un rosso diversi per natura e per tradizione da qualsiasi altro vino veneto, caratterizzati da profumi e sapori che non solo richiamano l'identità del vitigno ma che raccontano con gusto la forza dei suoli e la passione dei produttori. Una sfida senza paura che la DOC Merlara lancerà in occasione dell'appuntamento milanese dedicato ai vini veneti il prossimo 26 settembre a Milano presso l'hotel Michelangelo ed organizzato da Go Wine rivolto al trade ed al mondo della comunicazione.

Merlara doc: al Verona Wine Top buona la prima

Al concorso enologico, indetto dalla Camera di Commercio di Verona, la doc Veronese-padovana festeggia un semestre di successi.
Successo per la denominazione del Merlara al Veron
Successo per la denominazione del Merlara al Verona Wine Top, il concorso enologico indetto dalla Camera di Commercio di Verona e giunto quest’anno alla sua nona edizione. I vini della giovane doc interprovinciale, comprendente vigneti nel Veronese e nel Padovano, per la prima volta hanno preso parte al concorso dedicato al meglio dell’enologia scaligera e si sono immediatamente fatti notare. Ha brillato il Merlara Doc Malvasia 2012 dell’azienda Collis Veneto Wine Group, entrato a buon diritto tra i 123 vini premiati nella competizione che, iniziata nel 2005, rappresenta uno degli appuntamenti più attesi nel panorama enologico sulla pizza di Verona. Si tratta di un anno particolarmente positivo per la denominazione del Merlara che da inizio 2013 ad oggi, ha saputo portare a casa premi e riconoscimenti, e si è data molto da fare sul fronte della promozione. Dalle iniziative culturali legate alla figura di Marin Sanuto, storico e uomo di spicco ai tempi della Serenissima, alla presenza ad eventi come “Il Veneto al 300 X 100”, dalla presenza a Vinitaly a quella del Festival delle Dop Venete, i vini della doc Merlara hanno letteralmente “marcato il territorio”. "I primi sei mesi di quest’anno – sottolinea Luigino De Togni, presidente del Consorzio del Merlara - sono stati piuttosto intensi ed impegnativi. Ma fa parte della strategia promozionale che abbiamo adottato per una doc giovane come quella del Merlara: prima farsi conoscere ed apprezzare nel Veneto e poi andare oltre i confini regionali". A sottolineare il forte legame con le tradizioni della tavola veneta, i vini della doc Merlara sono stati protagonisti alla Festa del Prosciutto di Montagnana: qui sono stati infatti premiati il Merlara Malvasia Doc 2012 ed il Merlara Marzemino doc 2012 di Collis Veneto Wine Group. Il Merlara, vino di antichissima origine, seppur ancora poco conosciuto e valorizzato, sta finalmente riprendendo la sua identità grazie alle numerose attività promozionali coordinate dal Consorzio del Merlara che negli ultimi anni si è impegnato per far emergere le peculiarità e la storia di questo vino.

Buon Natale e Felice Anno Nuovo dal Consorzio Tutela Merlara DOC

Inaugurazione punto vendita Azienda agricola Ponte al Masero

I vini e i prodotti tipici del nostro territorio salvano un’opera d’arte

Verona. Lo scorso novembre presso l’Istituto Alber
Verona. Lo scorso novembre presso l’Istituto Alberghiero di Montagnana, si sono svolte alla presenza di rappresentanti della stampa le operazioni di spoglio delle schede-voto per salvare un’opera d’arte raccolte durante la manifestazione «Tesori ‘sconosciuti’ e vini ritrovati nel cuore del Veneto». L’iniziativa, svoltasi con successo nel mese di ottobre, è stata promossa dai Consorzi di tutela e dalle Strade del vino Arcole, del Lessini Durello e del Merlara, in collaborazione con i Comuni ospitanti, per la valorizzazione del territorio. Nell’ambito della manifestazione era inserita la proposta denominata “Degusta l’arte” che abbinava la promozione dei vini e dei prodotti tipici, presentati a conclusione di ogni giornata di visita ai luoghi d’arte, con la possibilità di partecipare attivamente al recupero di un bene artistico bisognoso di restauro, situato nei territori coinvolti dalla manifestazione. Con gli introiti ottenuti dalle degustazioni, i numerosi partecipanti hanno potuto così costituire un fondo da destinare all’iniziativa di salvaguardia ed inoltre, attraverso un’apposita scheda-voto, hanno potuto segnalare il bene che ritenevano più opportuno recuperare, scegliendolo tra quattro opere selezionate sulla base delle indicazioni dei Comuni ospitanti la manifestazione. I beni in concorso erano di varie epoche; del I sec. d.C. è l’olpe (brocca) in terracotta, corredo funebre della necropoli di S. Agata, proposto dal Museo Civico Archeologico di Cologna Veneta; settecentesco e di ottima fattura artigianale è invece l’armadio della Sacrestia della Chiesa Parrocchiale di Castelgomberto. Di epoca cinquecentesca sono gli altri due beni n gara: una cassaforte originale del Monte di Pietà in Montecchio Maggiore e un dipinto di Palma il giovane, “Madonna con Bambino e Santi”, visibile nel Duomo di Montagnana.Proprio quest’ultimo è stato scelto dal pubblico votante, che ha così deciso di riportare all’antico splendore la magnifica tela di Jacopo Palma il giovane, artista veneziano (1544-1628) che studiò e subì l’influenza di Raffaello, Tintoretto e Tiziano; con quest’ultimo, suo vero maestro, in seguito collaborò portandone anche a termine il celebre dipinto “La Pietà”. Un finale decisamente positivo, dunque, per questa manifestazione che vede così i vini e i prodotti tipici delle aree dell’Arcole, del Lessini Durello e del Merlara protagonisti di una concreta azione di tutela del territorio.